Ma se Stoccolma è meglio di Napoli, perché nun te staje là?

Giustamente ci voleva uno che passa un week-end a Stoccolma per accorgerci che è diversa da Napoli.

[Chiarisco subito: da ieri ha cominciato a circolare un post di un blogger abbastanza seguito in cui esaltava alcune cose di Stoccolma messe soprattutto a paragone con ciò che abbiamo a Napoli. Da qui nasce il mio personalissimo sfogo non al post, perché rispetto il pensiero di chiunque, ma al fatto che sia stato poi inserito in un giornale nella forma stessa in cui è presente nel blog con l’intento di far passare un pensiero qualsiasi in una notizia rilevante].

Di un post su un blog piuttosto che farne un articolo (come poi è successo) avrei dato voce a quelli che all’estero ci vanno perché qua non hanno futuro, costretti quindi a salire su un aereo per necessità, non per piacere.
Io avrei chiesto ad Andrea di quanto è aumentato l’affitto a Berlino negli ultimi anni e di quanto è difficile crescere una bimba con un lavoro precario. A Toto come funziona il servizio sanitario a Boston.
Ad Enzo quanto costa muoversi dalla periferia al centro di Londra.
A Valeria se c’è lavoro in Catalogna oltre la città di Barcellona.
Avrei fatto raccontare agli stagisti delle commissioni europarlamentari di Bruxelles come passano il tempo quando non lavorano.
E soprattutto a Peppe, che a Stoccolma ci vive, quanto è difficile affittare una casa.

Già lo scrissi quando uscì il libro del prof. Sales “Napoli non è Berlino”: fare paragoni è legittimo, ma spesso si rischia di finire nel luogo comune, nella macchietta pulcinellesca del funiculì-funiculà e soprattutto nell’esaltazione di qualcosa che così magnifico non è. A meno che non sia un paragone costruttivo o ironico. Sì, perché poi con gli occhi da turista pure Napoli è fantastica, ma perché fare discorsi del genere?  Perché imbruttirsi sognando posti che non sono così belli come ci appaiono quando ci andiamo in vacanza?  Altrove sono civili, i treni arrivano in orario (talvolta si schiantano nelle cucine), sono ecologisti, usano la monnezza come risorsa. Noi invece ci piangiamo addosso. Votiamo sempre le stesse facce perché tanto “non cambierà un cazzo” e quando andiamo fuori in vacanza torniamo più esauriti e frustrati di prima. Solo che nessuno si accorgerà mai che da questa cosa c’è chi ne guadagna in popolarità (e in visualizzazioni: una risorsa presa sottogamba solo da chi non lavora coi media). Però, a questo punto, se domani io dovessi trovarmi ad una fermata della metro più rumorosa del mondo (linea 1) e sentissi uno che rimpiange il week-end a Stoccolma, gli chiederei:

“Scusa, ma se la Svezia è meglio di Napoli, perché nun te staje là?”

immagine_stoccolma

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...