Crisi di mezza età di un (quasi) ventisettenne

carodiario-posterIl dietologo e la nutrizionista hanno smesso di seguirmi su Twitter.
Non capisco se devo esserne felice o prenderlo come un segno della loro resa. Però mi dispiace.
Avrei voluto dirgli che un giorno avrei cercato un lavoro meno precario, sarei andato in palestra tutti i giorni, avrei comprato camicie con le mie iniziali incise e avrei salvato l’Africa andando in vacanza a Zanzibar.

Insomma, avrei fatto come tutti quelli piegatisi sotto il peso della volontà collettiva, quasi come se fossero tanti piccoli soldatini. Trasformati in tanti naufraghi aggrappati alle loro sicurezze. Avrei cambiato anche io il tono della voce, rendendolo più severo e meno allegro, convincendomi che cedere a certe banalità è un male necessario. Come se fossero quelle certezze a regalarti la serenità.

Fino ad allora continuerò a mangiare patatine fritte, kebab, a girare in una Panda base gpl, a dormire poco e ad incazzarmi per tutto quello che non mi va a genio.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...