Se l’Università muore nel paese dei Professori

Io capisco che la campagna elettorale imperversa e che i cani (e i porci) che la fanno attirano troppo l’attenzione di giornalisti e pubblico. Il problema è che mancando il lavoro l’ultima cosa che c’era rimasta prima di lanciarsi nel baratro dell’incertezza (lavorativa) era l’Università. E pure questa si stà sciogliendo in fretta. Un po’ come i ghiacciai del polo Nord, solo che qui il global warming non c’azzecca una mazza.

politecnicoIntanto tre suicidi all’interno delle facoltà napoletane negli ultimi tre anni.Tutte donne. Tutte studentesse. Dati su cui ci sarebbero pochi grafici da disegnare. Questioni che vanno ben al di là della fragilità psicologica o della durezza dei professori. L’ultimo gesto di M., 24 anni, è stato quello di gettarsi dal quinto piano del Politecnico di Fuorigrotta qualche giorno fa. Prima di lei, nel 2011, una ragazza iscritta a Farmacia di 27 anni si lanciò andare dall’ultimo piano della sua facoltà. Nel 2012 una studentessa di 28 anni della Parthenope fu trovata in un bagno da una professoressa quando era già troppo tardi.

Sarebbe il caso di riflettere su cosa si prova ad essere studente in questi anni. Sulla nostalgia di un futuro che non arriva, che costringe a campare alla giornata, tra stage, tirocini e dottorati senza borsa (cioè non retribuiti). Di riflettere sulla nebulosità dei regolamenti dell’Adisu e di una tassa per il diritto allo studio che in Campania è aumentata dell’80%. Sull’attuale inutilità della rappresentanza studentesca all’interno dei Consigli Universitari. Su certi corsi di laurea mantenuti in vita grazie a convenzioni politiche nonostante la riforma e i suoi tagli estremi. Cose su cui è caduto un silenzio assordante, come quello subito dopo un volo dal quinto piano di un palazzo.

Che senso ha avere un paese governato da Professori se gli studenti non ci sono più e quando ci sono non sono tutelati abbastanza?

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...