Giggì, one day baby, we’ll be old

Dal sito di Luigi de Magistris:dema

Ecco, quando leggo comunicati come questo o i suoi tweet, penso che a fare da autore al sindaco de Magistris sia Jovine o che si senta al telefono direttamente con Manu Chao. Insomma, capisco che i predecessori Iervolino-Bassolino siano i fantasmi del passato da combattere e che Valenzi sia troppo vetusto per un sindaco che guarda avanti, ma ispirarsi a Grande Puffo no, Giggì! No!

Cose che in due anni non siamo riusciti a fare per mancanza di risorse economiche

Come si fa quindi a parlare di una Napoli cambiata in meglio se è lui stesso a scrivere che i cambiamenti che avrebbe voluto apportare non sono stati attuati per mancanza di risorse?

Spazi pubblici riempiti dalle persone e non dai banditi, aperti alla cultura e all’arte e non alle ottusità burocratiche

Su questa frase la mente va alla Villa Comunale alla riviera di Chiaia o al parco Padre Gaetano Errico a Secondigliano (giusto per citare i primi due che mi vengono in mente) invasi da baby-gang e rapinatori di varie età. Ma anche a piazza del Plebiscito lasciata in balia dell’incuria e valorizzata solo per concerti a pagamento (Springsteen, Ligabue, Pausini).

Un giorno però, quando la città sarà governata da qualcuno che la conosce davvero, rimpiangeremo De Magistris per tutte le meravigliose notizie che ogni giorno ci regala. Nel frattempo, quelli che non muoiono di tumore, sopravvivono e, invecchiando, devono sorbirsi ‘sti comunicati tipici dei calciatori al centro delle vicende del calciomercato che niente hanno a che fare con la politica.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...