Archivi del mese: luglio 2013

Un’aula per Silvana

Parlare di morte il 31 luglio ti fa correre il rischio di passare per chi non apprezza il bello della vita e spesso, quando lo si fa, si banalizzano sentimenti e parole che meriterebbero ben altra considerazione. Come la storia e la vita di Silvana.

So chi era, da dove veniva e quali corsi preferiva. Sapevo queste cose prima che il bus su cui si trovava con la famiglia scivolasse giù da un ponte nei pressi di Monteforte Irpino. Non ho avuto la necessità di informarmi via Facebook. Ci conoscevano così come si conoscono -quasi- tutti quelli che frequentano Scienze Politiche. Non eravamo amici, eravamo colleghi, ma il dolore c’è lo stesso. Per questo motivo ritengo necessario continuare a fare uso dello stesso rispetto con cui eravamo soliti discutere nei corridoi.

Sarebbe bello dedicarle un’aula studio, dimostrare a questa Italia malata di Alzheimer che c’è una comunità (fatta principalmente di studenti come quelli da cui è partita l’idea, ma anche di professori, custodi in pensione e carpe portafortuna) che non vuole ricordare solo i grandi politici come Altiero Spinelli o Mario Pagano, ma anche una normalissima studentessa come quelle che ogni giorno sacrificano i loro anni migliori all’interno della facoltà.

3-federico-II-via-rodino

Annunci

3 commenti

Archiviato in Blog

La freva

Il fatto che io non sia un prete spogliato con la smania di piacere a tutti non fa di me nemmeno l’ultimo degli stronzi.

Ecco. Perché qui funziona così, no?

Uno ti aiuta senza chiedere nulla in cambio, lo fa perché quello che per te appare difficile per lui è semplice e non gli richiede chissà quale sforzo. Aiuta proprio te che fino ad un attimo fa parlavi dell’Italia come un posto in cui tutti sono corrotti, che fanno tutti i propri interessi e che bla-bla-blà. Blà!  Quindi, piuttosto che essergli riconoscente, che fai? Cominci a schifarlo perché quello che ti sembra un pesce preso con la botta non solo ti aiuta, ma non ti chiede nulla in cambio. Incredibble amisci!

Il fatto è che il tuo non è schifo, ma freva. La freva è una pianta che cresce piuttosto bene nel giardino di quelli che gonfiano il proprio ego con steroidi di cazzate e si combatte come una febbre normalissima: a suon di supposte. Che siano d’umiltà o di glicerina, frizzanti o naturali, poco importa, l’importante è che riescano a debellare il male.

sciachimista

Lascia un commento

Archiviato in Blog

Il generatore di articoli di Libero

Uno pensa di averle viste tutte, dai corsi di giornalismo pezzotti alle scuole di giornalismo vere, dove devi pagare 10mila euro l’anno per poi tornare a casa da professionista (senza stipendio nè lavoro, naturalmente). E invece no. Questa volta però la goliardata è dichiarata ed è pure riuscitissima (oltreché gratis).

Il generatore automatico che ti fa scrivere articoli degni di Libero
E’ infatti online un link che permette di generare articoli del quotidiano Libero Il generatore automatico che ti fa scrivere articoli degni di Libero
inserendo alcune opzioni per vedersi poi davanti agli occhi un articolo “tipo” del quotidiano di Maurizio Belpietro.

Clicca qui per creare un articolo.

3307211668782

 

2 commenti

Archiviato in Blog

Tutto ciò che dobbiamo fare è essere coraggiosi e gentili

Baby, we’ll be fine.
All we got to do is be brave and be kind.

Quante volte mi sono detto queste parole. Un attimo prima di alzarmi dal letto o prima di andare a dormire, prima di un esame o prima di un concerto davanti a tanta gente, tutte le volte che penso al mio futuro e a ciò che mi aspetta tra qualche mese. Eppure ieri m’è capitato di commuovermi sentendole dal vivo. Insomma, ognuno ha la sua canzone ed io, ieri, ho finalmente trovato la mia.

1043893_10151458839946010_20787984_n

Lascia un commento

Archiviato in Blog