Un anno a Napoli (2013)

Come l’anno scorso, anche questa volta ho provato a raccogliere le immagini degli eventi accaduti in città per ogni mese. Mi perdoneranno quelli che per raccontare la città si aspettano che vengano usate sfogliatelle, friarielli e mandolini, ma a me gli stereotipi continuano a stare sul cazzo -proprio come l’anno scorso-. In ogni caso, questa è la mia visione del 2013 a Napoli.

Gennaio – Frappè flambè

gennaio

Mergellina. A fuoco lo chalet “Chiquitos” famoso per i suoi frappè

Febbraio – Carnevale

febbraio

Napoli. Due bimbi travestiti da Raffaella Fico e Mario Balotelli 

Marzo – Senza parole

marzo 2

Bagnoli: quel che resta di Città della Scienza

Marzo II – Senza Parole

marzo 3

Riviera di Chiaia: crollo dell’ala di palazzo Bovino.

Marzo III – Parcheggio perfetto

marzo

Agnano: Un auto finisce fuori strada e resta bloccata su un muro che costeggia la tangenziale

Aprile – Costruzioni intelligenti

giugno

Ponticelli: uscita autostradale su via della villa Romana.

Maggio – Giro d’Italiaaprile

Mergellina: la tappa del Giro arriva sul lungomare e qualcuno ne approfitta per il primo bagno

Giugno – L’amore è una gabbiamaggio

Montesanto: una gabbia intorno al cartonato di Cavani per impedirgli di lasciare Napoli

Luglio – Senza parole

luglio

Monteforte Irpino: Bus diretto a Pozzuoli esce fuori strada e vola giù da un ponte. Più di 40 vittime in totale.

Agosto – La guerra dei fuochi

agosto

Giugliano in Campania: roghi che bruciano nei pressi di un campo rom.

Settembre- Vedi Napoli e poi (non) muori

settembre

Santa Lucia: l’artista Isotta Bellomunno in una barca a forma di bara

Ottobre – La Venezia del sud

ottobre

Piazza Carlo III: viaggiatori in attesa del bus durante una giornata di pioggia

Novembre – La terra dei cachi

novembre

Piazza del Plebiscito: manifestazione #fiumeinpiena contro il biocidio

Dicembre – Te piasce o’presepio?

dicembre

Napoli. Presepe da viaggio in vendita sulle bancarelle

Epilogo

Da cittadino -che ha deciso di rimandare la partenza- ho una sola speranza che però non scriverò per non cadere nella banalità spicciola che alberga in tanti discorsi su Napoli e sui napoletani. L’unico augurio che (mi) faccio per il 2014 è di potermi trovare a raccontare meno storie brutte e più immagini che scaldano il cuore come questa scattata qualche giorno fa a piazza Carlo III:

1520616_378166662319364_1369205342_n

 

Annunci

4 commenti

Archiviato in Blog

4 risposte a “Un anno a Napoli (2013)

  1. io voto febbraio, maggio, settembre e dicembre!!

  2. Un anno difficile, dunque. Ma a Napoli ci siamo abituati.

  3. O’ pesh…Oibò, perdincibacco, codesta città è sempre sbeggeggiata, sono sbeffeggiati coloro che sono di orgine della suddetta, è inquinata, è lercia, (dicono che) sono lerci ed approssimativii i suoi cittadini. Ma alla fine sempre qua stanno i turisti. Voto settembre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...