Primo maggio: auguri a chi ci crede

Auguri a chi è morto cadendo da un’impalcatura.
Auguri a chi ha creduto nei sindacalisti e nei sindacati che nel 2015 non sono capaci manco di fare un concerto decente.
Auguri alla marenna del fravcatore e a chi alla sera puzza di fatica.

Auguri a chi è dovuto andare lontanissimo da casa per poter dimostrare il suo valore.
Auguri a quelli messi ai margini, definiti “i peggiori” perché non si piegano.
Auguri a chi guarda al mondo del lavoro come una vasca di squali e sopravvive benissimo senza metterlo nel culo al prossimo.
Auguri a chi fa quello che gli piace, ma pure a chi tira avanti la carretta fino a quando non si rompe il cazzo.

Auguri a chi un lavoro se lo è inventato, a chi lo ha perso e a chi lo sta ancora aspettando.

Questa Repubblica è fondata sul lavoro: auguri a chi crede!

Gavavenezia.-.Lavoro.Nero_

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...